L'upupa ferita e curata vola via dopo la liberazione a Castel di Guido

Era ansiosa di tornare a volare libera e, non appena è stata lasciata, ha sbattuto le ali così rapidamente da perdersi tra la vegetazione dell’oasi Lipu di Castel di Guido. Per gli attivisti dell’associazione è stata una grande emozione liberare l’upupa, uccello che compare anche nel logo della Lipu, che era stata ritrovata ferita circa dieci giorni fa. “È stato un cittadino a notarla, nei pressi dell’oasi di Castel di Guido” spiega Francesca Manzia, responsabile del centro recupero fauna selvatica della Lipu di Roma, a Villa Borghese, dove l’upupa è stata subito portata. “Aveva un ematoma traumatico sulla spalla destra - continua Manzia -. È stata tenuta in un box particolare per fare in modo che non si muovesse troppo ed è stata alimentata con insetti. Fortunatamente l'ematoma è regredito senza lasciare conseguenze e l'abbiamo quindi prontamente liberata nella nostra oasi”. Il rilascio è avvenuto sabato 25 luglio. E, per chi l’ha vista volare via libera, è stata una grande soddisfazione. (a cura di GIULIA ARGENTI)

Gli altri video di Natura