Mirko ucciso: la catena umana dei compagni si scioglie in un applauso, lascia i fiori davanti alla casa e torna a scuola

Tortolì. In silenzio ragazzi, insegnanti e cittadini davanti alla casa dove Mirko Farci, 19 anni, è stato ucciso a coltellate per difendere la madre dalla furia di un uomo, hanno deposto un mazzo di fiori e poi si sono sciolti in un mesto applauso. I ragazzi poi, sempre allacciati al filo che li ha tenuti uniti per tutta la manifestazione, sono tornati a scuola. Il raduno di oggi 14 maggio è stato organizzato per richiamare l'attenzione sulle denunce che le donne fanno contro le violenze e che spesso vengono sottovalutate o non considerate con la dovuta tempestività. I ragazzi al collo avevano un cartello #codice rosso, che non deve restare solo una procedura standard di intervento ma un rapido modo di operare quando una donna denuncia comportamenti violenti da parte di persone della loro vita.
(video di Massimo Locci)

L'ARTICOLO

Gli altri video di Cronaca locale