Il filippino scambiato per cinese e pestato: "Non ricordo se mi hanno colpito sul bus o fuori"

CAGLIARI. Il trentenne filippino pestato ieri 6 febbraio appena sceso dal bus della linea nove che copre la tratta da Cagliari ad Assemini, è ricoverato al Brotzu. Oggi ha parlato, cercando di ricostruire l'accaduto, anche se è ancora in stato confusionale per le botte prese da tre energumeni che hanno sfogato il loro razzismo sul povero uomo. "Non so se sono stato colpito dentro il bus _ ha detto cercando di ricordare _ o fuori, appena sceso". La scusa del pestaggio è stata il fatto che i tre credevano che l'uomo fosse cinese e dunque un potenziale veicolo di contagio del coronavirus. La caccia agli autori dell'esecrabile fatto è aperta da parte dei carabinieri. (video mario rosas)

Gli altri video di Cronaca locale