Corsa rosa: Sassari rende onore alla folla di partecipanti con i tamburini e gli sbandieratori dei Candelieri

Sassari. I tamburini e gli sbandieratori dei Candelieri della Città di Sassari hanno salutato l'immenso pubblico della Corsa rosa (a passo libero di due chilometri e 200 metri), la manifestazione ideata qualche anno fa da Currichisimagna di Luca Sanna per testimoniare la vastità della rivolta pacifica contro la cultura che alimenta i femminicidi, gli stupri, i maltrattamenti, le discriminazioni, le svalutazioni, i linguaggi ancora divisivi, non importa se in modo palese o sotto traccia. La manifestazione di tre giorni si conclude oggi 17 ottobre con la Corsa vera e propria partita in una Piazza d'Italia gremita di uomini, donne, bambini. Nata come una manifestazione sportiva non competitiva, con lo sport inteso come strumento di inclusione e partecipazione, la Corsa rosa di Sassari nel tempo si è arricchita di momenti di approfondimento per mettere a fuoco i diversi aspetti della violenza contro le donne. Un esempio gli interventi di ieri 16 ottobre sul femminicidio portati da Manuela Arcadu, Claudia Aru, Anna Maria Busia, Viola Frongia, Susi Ronchi nel dibattito coordinato dal giornalista Adriano Porqueddu.
(video di Ivan Nuvoli)

L'ARTICOLO

Gli altri video di Cronaca locale