Il lamento del ghiacciaio: viaggio sul massiccio del Monte Bianco dove le rocce si sgretolano e il ghiaccio diventa acqua

"Nel 1979 venivamo qui per fare palestra di ghiaccio, oggi invece si vedono le rocce". Luca Argentero, guida alpina di Courmayeur, racconta con un po’ di malinconia un passato neanche troppo lontano. Siamo al ghiacciaio Lex Blanche, in val Veny, una delle valli laterali del Monte Bianco, sul versante italiano. Un fenomeno, quello del ritiro dei ghiacciai, che riguarda l’intero massiccio ed è particolarmente evidente anche in val Ferret. Il suono dell’acqua, il suo scorrere lento ma continuo, quelle rocce fino a pochi anni fa ricoperte di ghiaccio ed ora ben visibili: sono queste le immagini principali che restituisce un viaggio sul gigante delle Alpi. Ma non è certo solo una questione sentimentale. "Il ritiro dei ghiacciai, le temperature più elevate - racconta Mario Ravello, guida alpina e geologo - , sono fattori che incidono anche nella stabilità della massa rocciosa rendendo oggi la montagna più pericolosa". E ciò che vediamo oggi potrebbe ancora peggiorare. "L’effetto sui ghiacciai delle condizioni climatiche attuali – continua Ravello -, con estati calde e inverni poco nevosi, si vedranno tra una quindicina d’anni".

di Ilaria Blangetti e Francesco Doglio

Una produzione Gedi Visual

Gli altri video di Clima & Ambiente