Omaggio a John Lennon a Melegnano: la signora Agnese legge "Imagine" in dialetto

“Pruè a pensà che ghe sia nanca un paradis, le facil se pruì. Nanca un inferna suta num. Sura, dumà el ciel. Inmagineves tuta la gent che la viva dumà a la giurnada” Frasi che anche a chi non conosce il dialetto di Melegnano fanno forse ronzare qualcosa in mente. Basta tradurle in inglese. “Imagine there's no heaven, it's easy if you try. No hell below us. Above us only sky. Imagine all the people living for today”. Imagine, forse la canzone simbolo del pop rock del Novecento. Tradotta dal gruppo “Gli amici di John Lennon” di Melegnano, cittadina alle porte di Milano dove - a differenza che nella metropoli – esiste, e da vent'anni, una strada intitolata all'ex Beatles. Ora si è aggiunto anche un murale realizzato da tre artisti del Lodigiano, e per inaugurarlo il gruppo ha deciso di tradurre in dialetto Imagine, facendolo leggere a una donna del posto, la signora Agnese, di 86 anni. “Pruè a pensà che ghe sien no le patrie, le no difìcil de fa. Nemen un mutiv per masà o murì e anca nisuna religiòn. Pruè a pensà che la gent la viva la vita per semper in pas” continua il testo che si conclude coi famosi versi “You may say I'm a dreamer, but I'm not the only one. I hope someday you'll join us and the world will live as one”, ovvero “Se pudarìa dì che m’ensògni, ma saria no l’ùnic. Speri un dì de vès tuti d’acordi e che el mund el fùs una roba sula”. La lingua più locale per la canzone più globale che esista. E il luogo migliore dove fare un salto il prossimo martedì 8 dicembre, quando ricorrerà il 40° anniversario dell'assassinio di Lennon.
di Luigi Bolognini

Gli altri video di Cronaca