Migranti, la nave della strage del 2015 arriva ad Augusta: diventerà un monumento

È rientrato ad Augusta, da Venezia, il peschereccio su cui più di mille migranti persero la vita il 18 Aprile 2015, nel Canale di Sicilia. Un anno dopo la tragedia, il relitto era stato recuperato in fondo al mare e nel 2019 esposto alla Biennale di Venezia. Dopo una lunga controversia legale, il Comitato 18 Aprile ne ha permesso il rientro ad Augusta. Il barcone diventerà un'installazione permanente del 'Giardino della memoria' ideato da Comune e Comitato per tutelare il ricordo delle 1100 vittime e di tutti i naufragi.

Gli altri video di Cronaca