Altri video da Cronaca

in caricamento...

Documenti e genitori falsi: così i giovani calciatori ivoriani arrivavano a Parma

Il dirigente della squadra Mobile di Parma Cosimo Romano spiega come i giovani talenti della Costa d'Avorio entravano in Italia, finendo anche in club di Serie A. Nel blitz della polizia sono state arrestate tre persone, tra le quali il procuratore Giovanni Damiano Drago, mente dell'intera operazione. Grazie alla complicità di alcuni ivoriani residenti in Italia, venivano creati falsi legami di parentela, che permettevano d'ottenere permessi di soggiorno per i ragazzi. Una volta in Italia venivano poi inseriti nelle squadre di club - estranee ai fatti - consentendo a Drago di guadagnare dalla vendita dei cartellini.

in caricamento...

in caricamento...

Videopubblicità

    in caricamento...