Botteri presidente della giuria del Premio Luchetta: "Sarò comunque vicina a Trieste"

TRIESTE È Giovanna Botteri, corrispondente RAI da Pechino, la presidente di Giuria del Premio Giornalistico internazionale Marco Luchetta 2020: già Premio Speciale Luchetta 2015 e in queste settimane presenza quotidiana nelle case degli italiani con l’intenso e drammatico filo diretto che la impegna dalla Cina. Giovanna Botteri è stata per 12 anni corrispondente Rai dall’ufficio di New York e come inviata speciale ha seguito alcuni dei più rilevanti avvenimenti del nostro tempo, dal crollo dell’Unione Sovietica all’inizio dei bombardamenti su Baghdad nel 2003. «Il Premio Luchetta 2020 prosegue - annuncia Giovanna Botteri in un video inviato ai promotori - La Giuria continuerà in questi giorni ad esaminare online, da remoto, i reportage pervenuti per questa 17^ edizione. In questo modo, lavorando da casa, possiamo realmente contribuire a salvare vite umane e a prevenire tanta sofferenza. E in questo modo, come presidente di Giuria, potrò sentirmi anch’io da Pechino più vicina a voi tutti, a Trieste».

Gli altri video di Cronaca