Bitonto, una stella che vola in cielo per salutare Paolo Caprio. "Basta violenza nella nostra città"

Con una stella volata in cielo si è concluso il funerale di Paolo Caprio il 41enne ucciso a Bitonto nella notte fra sabato 4 e domenica 5 settembre durante un litigio in una stazione di servizio. A colpirlo con violenza il 20enne Fabio Gampalmo ora in carcere con l'accusa di omicidio volontario. Un delitto che ha suscitato molta impressione per le modalità e intensa commozione. Grande, infatti, la partecipazione alla messa di centinaia di cittadini sia all'interno sia all'esterno della basilica dei Santi Medici. Il parroco, don Paolo Candeloro, ha ririvolto a tutti un appello: "Basta violenza nella nostra città e il grido di dolore della famiglia di Paolo ci renda migliori". Il sindaco, Michele Abbaticchio, ha riferito le toccanti parole della mamma della vittima: "Non riesco a odiare la persona che ha colpito mio figlio, perché evidentemente a differenza di mio figlio non ha altri strumenti"

Gli altri video di Cronaca